Fuori dal coro

Ho iniziato da poco un’attività sporadica e molto precaria, dove per entrare oltre ad un curriculum adeguato c’era anche il limite d’età che mi pare fosse entro i 30anni.
Così ogni tanto mi ritrovo circondata da ragazzini  e giovani adulti dai 18 ai 28 anni che vivono la loro vita tra feste, studi, lavori più o meno precari ma molto interessanti, sogni e aspirazioni.

E poi ci sono io, che sto cercando di ributtarmi nel mercato del lavoro e ritrovare e trovare me stessa e cercare di fare qualcosa nella vita. Ma nonostante cerchi di non sbandierare il fatto che ho dei figli, ogni tanto mi scappa di essere mamma. E vedi le facce delle ragazze (belle, magre e super trendy) che spalancano gli occhi e la bocca esterrefatte dalla notizia.

“Non l’avrei mai detto”

“Ma davvero??”

“Ma sembravi più giovane”

Tutte affermazioni molto carine, ma che mi fanno sentire sempre una mosca bianca, perchè lì non c’è davvero nessuno che pensa di avere figli, loro devono ancora vivere la propria vita, fare carriera, innamorarsi e lasciarsi, viaggiare e vivere la notte.

Forse dovrei imparare a gestire questa cosa, quella di sentirmi fuori dal coro, tanto ormai è una cosa che mi accompagna da tutta la vita. Anche quando di figli non ne avevo.

Annunci

Perché mi sento una mamma snaturata

http://appuntidiunagiovanemamma.blogspot.it/2015/02/perche-mi-sento-una-mamma-snaturata.html

A lavoro dopo il parto

E questa Hunziker che fa adirare tutte le mamme: blogger e non?
Certo che a quei livelli tutto è un po’ distorto però anche nella vita reale c’è chi la vede proprio come lei.

Per esempio la mia amica, come prima cosa mi ha detto: “Vedi, dovrebbero prenderla d’esempio quelle donne che si annullano per la maternità! Siamo sempre donne! Abbiamo la nostra vita!”. E’ sempre un punto di vista. Diciamo che però io ho pensato altre cose:

  • beata lei che ha un lavoro
  • beata lei che ha un lavoro che non è pesante
  • certo che è facile con le tate
  • certo che anche con le tate io dopo 5 giorni, stavo ancora cercando di capire chi ero e dove fossi, mentre elemosinavo ore di sonno..

Poi penso che anche avessi avuto un bel lavoro i miei mesi di maternità, più l’aspettativa me li sarei presi tutti , come hanno fatto alcune mie amiche (compresa quella sopra citata). Penso sia ingiusto dover abbandonare ad estranei o nonni un neonato di tre mesi che ha appena capito cos’è il mondo per “farlo crescere a loro”.
Ma ci sono donne che invece non vedono l’ora di mollare il pupo. Come un’amica di famiglia che prima lasciato il lavoro e dopo neanche due mesi si è fatta riassumere, lasciando il figlio a tate e vicine di casa. O come la vicina di casa dei miei suoceri che porta il figlio di tre mesi alla suocera tutti i giorni, che lo riporta lì anche la domenica ed è anche capace anche di dire con aria sollevata: “Meno male che ci sono i nonni!” (tra l’altro guarda caso quel bambino proprio non si attaccava al seno e quindi ha sempre preso latte artificiale.. in questi casi un dubbio viene).
Chissà se il figlio dirà mai “Meno male che c’è la mamma” .

Quello che invece ha detto mia cugina, cresciuta dalla nonna, ora che è mamma a sua volta è stato: “Ma come faceva mia mamma a lasciarmi sempre qui? Io non lo lascerei mai mio figlio potessi!”.
Ora che Ricky ha tre mesi ammetto che svagarmi qualche ora al giorno, rimanendo sicura che è seguito a dovere lo farei anche. Peccato che qui da noi in italia il part time suoni strano e sia anche un po’ retrò.

Un’altra questione è la storia della linea.
Questa ha dell’incredibile, che neanche lo sbarco sulla luna. Ma, e dico, ma dopo il parto non è severamente sconsigliato fare addominali perchè i suddetti muscoli sono separati peggio delle acque di Mosè? Com’è che loro riescono a farli tornare uniti in così poco tempo? Magari glieli rincollano con lo scotch, mentre per le over quaranta useranno il bostick.
Io non ho da lamentarmi, sarà la giovane età come dice qualcuno, ma ho perso tutti i kg in un mese. E nonostante una dieta squilibrata, ricca di grassi e zuccheri, non ho ancora presso nulla, anzi. Però sembra lo stesso mi sia passano un autocarro sopra! Ho le tette pendenti, la pancia a budino piena di smagliature e i capelli a spaventapasseri.

Al parco

Due mamme al parco:

Mamma A (mentre allatta): – Mi sono accorta di avere della cacca sulle mani, ero al consultorio per pesarlo, lui ha cagato il mondo prima della pesata, così mentre piangeva ho iniziato a cambiarlo, sono andata a prendere il ciuccio, e sembravo anche una mamma snaturata perchè mi sono allontanata dal fasciatoio, l’ho pulito e nel frattempo svestito perchè poi toccava a noi, lasciando tutto sul fasciatoio.. prima quando l’ho attaccato, mi sono accorta di avere la mano sporca di cacca. Tra l’altro penso di aver finito le salviette.
Bambino A si stacca dal seno dormiente.
Bambino B inizia a piangere, mamma B lo allatta:
– A proposito di salviette l’altro giorno le ho finite mentre ero in giro..come i pannolini, finiti tutti perchè lei continuava a farne una marea! Così non ho potuto cambiarla fino a casa.
– Anche a me è capitato..4 pannolini in un pomeriggio!
Mamma B: – Ma tu la vitamina gliela dai tutti i giorni?
– Eh.. ora si, che sono più tranquilla e organizzata, ma le prime settimane.. il boccettino che ci hanno dato alle dimissioni, quello che doveva durare tre giorni..mi è durato una settimana.
– Uguale, poi da quando ho scoperto che andava conservata in frigo è stata la fine, non glielo do’ più!
Bambino B si stacca, rutta e vomita su mamma B.
– Ah fantastico, non ho neanche un golfino per coprire..
– Puoi tenere in braccio la bambina da quella parte..così copri la macchia.
Mamma B mentre si pulisce: – No comunque fantastico essere mamma..cacca nelle mani e vomito sulla camicia!
– Per carità, simpatici sono simpatici.. però..

Bambino B si addormenta su mamma B, bambino A inizia a piangere e mamma A si alza per cullarlo.
– Ecco abbiamo culla, sdraietta, lettino e lei dove si addormenta? Su di me.. potrebbero omologarmi!
– Io non so più che canzone cantare per farlo addormentare, mi annoio sempre con la stessa.. quindi cambio di continuo.. mi sento una radio ormai..
– Ieri sono arrivata a cantare bella ciao, figurati..
– Ahah, anche io, ma non mi ricordavo le parole e quindi ho lasciato perdere.

Passa una nonna con bambino, si discute prima di diritti della mamma lavoratrice (magari avere un lavoro dice mamma A, mentre mamma B vorrebbe l’asilo aziendale), poi si discute sulle età:

Mamma A: – Io non riesco mai a capire quanti mesi ha un neonato.. in genere gliene do’ meno del dovuto. Mi fa paura pensare che a 8 mesi possa non essere cambiato quasi niente!
– Lascia perdere, l’altro giorno ho visto un’amica con il bimbo di un anno e mi è sembrato un incubo! Forse era anche peggio di adesso!

Mamma A stanca di cullare propone una passeggiata, le due si alzano, posizionano i pupi sui mezzi di trasporto e si allontanano.

La sua famiglia e altri animali

La festa del complimese

Ero terrorizzata da questa festa, un assembramento di nonni e bisnonni intorno al mio piccolo, dopo due notti insonni e stress a non finire. Lo stress aveva causato nuovi dubbi “Sono abbastanza mamma? Sono credibile come mamma? Ma gli voglio bene? Ecc..” che non avevano aiutato ad alzare il mio umore.

Arriviamo e il mio piccolo mi aiuta dormendomi addosso, così posso coccolarlo ancora un po’. Ai primi segni di sveglia lo porto in camera a cullare, memore dell’esperienza della settimana prima quando Sua madre al primo vagito me l’ha letteralmente strappato di mano portandolo dalla parte opposta della casa.
Ma lui alla fine si sveglia e reclama cibo. La poppata è con l’artificiale quindi Lui prepara il biberon e io vado in salotto così da stare tranquilla. Il piccolo mentre ciuccia piange perchè si ingolfa, Sua madre viene di continuo a controllare. Quando torno in cucina scopro che neanche la sedia mi hanno messo e mentre vado a prendermi la pizza sento qualcuno che dice “Non so perchè doveva nascondersi per dargli da mangiare..”, faccio finta di niente. Appena arriva il pupo post-ruttino vuole subito prenderlo Suo padre, fa il grande uomo perchè sta bravo con lui …io penso che son capaci tutti a far star bravo un bambino cullandolo e tenendolo in braccio.
Il bambino da lì fa il giro delle braccia di tutti. Sta bravo.
Le bisnonne se lo contendono e successivamente fanno a gara a chi ha avuto più figli (vince la mia 4 a 2).

Uno sguardo dall’esterno

Finalmente (non ricordo neanche più per quale grazia divina) torna tra le mie braccia. Il pupo inizia a guardarmi. E mio padre (tipo di poche parole serie e tante spiritose) mi guarda e dice: “Guarda com’è tranquillo ora, prima anche se stava bravo guardava in giro e si muoveva tutto!”.
Non ci avevo fatto caso da sola, ma quando me l’ha fatto notare era innegabile. Il pupo tra le mie braccia si era rilassato. Da lì la serata è stata in discesa, grazie a questa nuova consapevolezza. Poi c’è stato il cambio del pannolino davanti ai genitori di Lui che cercavano di scovare ogni mio errore: “Hai la crema per i culetto?” si, “Ma non gli tagli le unghie?” no, le limo, ci hanno detto di fare così, “Ma poi si graffia!” ho detto che le limo, ma poi, lo vedi graffiato? “Uh guarda guarda che si tiene alle mani e si tira su!” stavo per spiegare che quello è uno dei primi test che fanno (argomento interessante, anche perchè ha preso dei bei voti) ma tanto non mi ascoltavano neanche. E’ arrivata la torta, altro giro tra i parenti per le foto, dopo quella di gruppo il cucciolo inizia a sbadigliare, così mi metto al buio a cullarlo, ma nessuno sembra far caso a far silenzio o a lasciarmi al buio. Anzi sembro la cattiva che vuole farlo addormentare.

Il pupo però mi da di nuovo una mano, era talmente stanco che in tre secondi è crollato, io ho passeggiato ancora un po’ e poi mi sono messa fuori con lui in braccio. Tutti sono rimasti un po’ delusi che dormisse di nuovo, ma io ero orgogliosa di averlo avuto con me per molto più tempo rispetto al solito, ero orgogliosa di essere riuscita a seguire i suoi bisogni anche se gli altri non volevano.