…stai diventando grande.

Ieri ho compiuto gli anni.

Sua madre mi chiama per farmi gli auguri, mi chiede: “Ma quindi sono 24 o 25?”

25

“Ah, beh, 25, allora stai diventando grade…”

E non era ironica, non voleva fare una battuta, ci credeva davvero. Mi ha anche chiesto se mia madre non mi vede piccola.

Grazie per la fiducia accordataci, mi verrebbe da dire. Ma infondo questa è una cosa mi perseguita. Nella mia famiglia sono la prima di 4 nipoti, ma vengo ancora vista come la più piccola. Un’estate l’ho passata con mia nonna e mia cugina, un giorno mia cugina, di 4 anni meno e minorenne esce a farsi un giro con gli amici. Mi preparo, faccio per uscire anche io, e nonna e zio mi sottopongono ad un interrogatorio: dove vai, con chi vai, ma i tuoi lo sanno.. io avevo già passato i 18 e guidavo la macchina, lavoravo in una pizzeria e avevo appena finito le superiori…

Un giorno ho chiesto a Lui: “Ma noi diventeremo mai grandi?” non mi ha saputo rispondere, lui dice che forse finchè avremmo i genitori alle spalle non lo saremo mai davvero.
Al di là dell’aspetto fisico ho sempre saputo far valere i miei diritti, e secondo me questo compre in gran parte l’aspetto dell’essere grandi. O come l’essere autonomo e non dipendente da qualcuno. Ma agli occhi degli altri non vale, evidentemente.

E anche vero che adesso tra gli ormoni della gravidanza e la storia di questo mutuo (dove sembra che tutti ci vogliano fregare) mi sento incredibilmente fragile e impotente. Mi sembra di non essere più in grado di gestire le cose e le emozioni. E forse è proprio così.

Tra l’altro per iniziare bene la giornata è la seconda volta che vado in bagno (alla faccia della stitichezza da gravidanza), ho acidità, e sono agitata per la storia del mutuo… perchè ora che avevamo trovato una quadra, sembrano i proprietari quelli indecisi (ma che intanto hanno incassato la caparra…). Non ce la posso fare.

Annunci

2 pensieri su “…stai diventando grande.

  1. Ti capisco :’) diciamo anche che oggi a 24 anni sei una teenager…solo qualche decina di anni fa (all’epoca dei nostri genitori, per dire) se ancora non eri “sistemata” rischiavi di passare per zitella. Ci hanno trattato per anni come adolescenti nonostante fossimo maggiorenni per poi lamentarsi perché la nostra generazione non cresce mai.
    In una società dove fino ai 30 anni (e oltre) rischi di dover dipendere economicamente dai genitori, è difficile in effetti segnare in confine tra “piccola” e “grande”. Da una parte ringrazio mia madre che ancora mi coccola quando sono stressata perché Paperetto non ha dormito o ha le coliche….così mentre io penso a lui qualcuno pensa a me! Dall’altra ho paura perché mi chiedo: ma se non cresco…come faccio a trasmettere sicurezza a lui?!? Poi guardo mio marito….trattato da adulto da quando era bambino…e non lo invidio per niente. Paradossalmente è più insicuro di me…!

    Mi piace

    • Non so sai.. io sono sempre stata trattata da grande dai miei genitori e mi sono sempre gestita bene, indipendente e decisa nelle cose che voglio. (poi è un problema del resto della famiglia e delle persone che mi conoscono meno il fatto di vedermi piccola)
      Lui al contrario da un lato essendo maschio ha goduto di privilegi come uscire da solo, fare tardi la sera, che io non ho avuto, dall’altro ancora adesso se dice ai suoi “ho mal di testa” i suoi diventano paranoici e gli dicono di andare dal medico -.- E pure lui è comunque insicuro, molto più di me.
      Forse l’unico modo per crescere è affrontare la vita da soli, io lo vedo che Lui sta cambiando, e penso (spero) di cambiare un po’ anche io.

      Però è anche tanto vero che non ci sono più limiti precisi come una volta, come dici tu, un po’ perchè ci trattano da eterni adolescenti, un po’ perchè economicamente è difficile emanciparsi.
      Con il fatto che ora non lavoro mi sento comunque dipendente da Lui e questo non è che mi faccia impazzire. Mi rende più debole, non nei suoi confronti che non mi ha mai fatto pesare la cosa, a maggior ragione ora. Ma in generale, è come se avessi una marcia in meno.
      Maledetta crisi.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...