La pancia

La pancia. Agognata durante i primi mesi, apprezzata nel secondo trimestre e odiata quasi nell’ultimo. Se è grande pesa e stanca, però si che sei davvero incinta. Se è piccola, sei davvero in forma, però magari esce dopo.. Quando è morbida la senti piatta, se è dura ti fa paura. Se è a punta potrebbe essere maschio, no aspetta non era femmina? Se la tocchi ti stacco un dito, se non la tocchi non mi consideri abbastanza. Se ti eccita sei un po’ strano, se non ti eccita ecco lo sapevo sembro una balena.

La pancia.

Nei primi mesi è così: vorresti gridarlo a tutti, ma non ti sembra il caso, così speri che a gridarlo sia la tua pancia. Che invece sonnecchia tranquillamente nel tuo paio di pantaloni preferito, poi magari tira un po’ il bottone, ma a volte capita anche mangiando due piatti di pasta.

Nel secondo trimestre si attende il famigerato coming out della suddetta. Talvolta si fa aspettare, la cosa rende nervosa la gravida media (a meno che non stia nascondendo il fatto al capo..). In questo trimestre, se sfortunatamente ne hai passate tante nel primo, che si veda la pancia ti frega poco. Quello che ti importa di più è riavere una vita. Anche se la speranza che si noti è l’ultima a morire, ma in genere non capita mai. Alla fine di tale trimestre per forza di cose il bimbo trasborda e inizia a notarsi. Sappiate che il lungo inverno non aiuta, e le persone sul pullman non vi cederanno il posto, non perchè sono cafone, ma perchè voi sotto due strati di maglia, e un piumino che si chiude a malapena, sembrate solo una rolatina di maiale e non una donna incinta.

Nel terzo trimestre… beh approfondirò, al momento da altre fonti pare sia solo una gran rottura.

Ora che inizio il terzo trimestre e a me sembra sia cresciuta a di due scatti solo nell’ultima settimana, sento comunque dire che è un pancino piccolo. Che se uno non ci fa tanto caso non sembro incinta. E che “Crescerà comunque, alla fine diventa sempre enorme!”.
Pare che se non hai un cocomero al posto del girovita, non sei “abbastanza incinta”, e pare anche che il tuo parere non conti.

Salterò la storia della sua forma e del sesso del nascituro. Ma parliamo di sesso vero.
All’inizio è quasi tenero, il pancino che appena si vede. Superato un certo limite i casi sono due: o arrapa all’inverosimile il futuro padre, o lo spaventa. Ovviamente a me è toccato il secondo caso.
Già non mi sento sta gran gnocca, in più Lui si frena perchè “L’ho sentito muoversi”:non è possibile; “Ti sto schiacciando?”: se non te lo dico, evidentemente no; “No non scendere così in giù che lo schiacci.”: ma saprò io no?? Poi le posizioni solite sono tutte da rivedere, se prima te la cavavi bene ora ti senti un elefante e non sai come metterti,gira e rigira stai sempre scomoda. Lui non sa come e quanto toccarti (“Ti fanno ancora male i capezzoli?”) …e alla fine la passione un po’ si smonta, o ti smonta.

Per quanto riguarda l’argomento: guardare ma non toccare. Io pensavo davvero, ne ero certa, convinta e ci avrei scommesso 100 euro che sarei stata una di quelle “Non mi va che mi si tocchi la pancia, la pancia è mia, io non tocco la tua, tu non toccare la mia! Fa parte della mia sfera privata, il mio intimo!”. Anche perchè non ho mai e poi mai provato interesse a toccare le pance altrui.
E invece mi sono riscoperta l’esatto contrario! E un po’ quasi mi spaventa.
Una delle prime cose che ho proposto a mia madre (che si è avvicinata riluttante) è stata: “Vieni vieni a sentire i calcetti!”. Poi l’ho proposto a sua madre. Non ho ostacolato degli amici di mia zia (quindi in pratica degli estranei..). E ci ho davvero goduto, lo ammetto, quando mia zia si è praticamente incollata alla pancia, quando mi ha vista a pasquetta.

La situazione è stata divertente in generale, siamo arrivati e si è formata la folla per venire a salutarci (cosa praticamente mai successa), poi varie toccatine di pancia e infine mia zia si è messa a tastare per sentire un eventuale calcio. E io ero lì come un’ebete. Ero lì, con le sue mani appoggiate, mi spostavo seguendola, godendomi l’attenzione. Quell’attenzione, anche se non direttamente rivolta a me, mi gratificava. Giustificava gli sforzi fin’ora sostenuti, legittimava tutta l’intera faccenda. Ebbene, se volete toccarmi la pancia, fate pure, mettiamoci comodi sul divano, volete fare esperimenti? capire se ha i capelli? Di che colore ha gli occhi? La mia pancia è a vostra disposizione.

Annunci

9 pensieri su “La pancia

  1. Sottoscrivo tutto, ogni riga! E aggiungo: goditi queste settimane in cui gli occhi sono puntati su di te, fai le richieste più spudorate e vedrai che verranno accontentate! Perché dopo andrà più o meno così: “pronto?” “Ciao mamma” “ah sei tu… LUI COME STA?” “Bene, comunque anch’io sto bene… Grazie…” ” si vabè, ma ha mangiato? Ha dormito? Ha fatto la cacca?”. Che amarezza :))

    Mi piace

  2. Pingback: Piccola integrazione | Cook and the baby

  3. mamma mia, lasciamo perdere l’argomento pancia!!! Io dopo il 4° mese ho iniziato ad avere una panciona…io, che non avevo MAI avuto neanche un filo di pancia! Anzi….ho sempre vantato addominaletti niente male (a fronte di un paio di fianchi un po’ formosi eh…ma almeno la pancia era semi-perfetta!!!) insomma….proprio non era da me avere quella panciotta! Da una parte ero contenta proprio perché, come dici tu, era la mia pancia a “urlare” per me la mia felicità…e a iniziare a farmi saltare qualche fila! Anche perché ho notato che sono davvero pochissime le persone che ti fanno passare avanti al supermercato o ti fanno sedere sui mezzi pubblici…assurdo! Eppure tante volte facevano finta di non vedermi…e la maggior parte delle volte erano altre ragazze!

    Vabbeè, tralasciando questo, il mio imbarazzo dopo un po’ è sempre stao che avevo questa panciona grande. Dopo un po’ mi sono stancata delle battute “Hey ma sicura che non sono gemelli??”, “ma sicura che sei di soli 5 mesi?”…dopo un po’ mi sentivo strana, diversa….continuavo a ripetermi che ero contenta di dare tanto spazio al mio bambino….me lo immaginavo comodo comodo nel mio pancione…ma da donna era imbarazzante, mi sentivo un fenomeno da baraccone!

    …e quando mi dicevano che poi mi sarebbe mancata quella panciona tonda tonda non ci credevo…mi chiedevo come poteva essere possibile che mi mancasse quella “cosa” ingombrante e scomoda???…e invece ti dirò….è nato da un paio di settimane e un po’ mi manca 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...