Come hard – Duri a venire?

Sta notte mi sono svegliata in preda ad un sogno a luci rosse. Nel torpore decido se è il caso di metterlo in pratica subito, il mio corpo mi fa sapere che è stanco, sta bene in quella posizione e preferirebbe tornare a dormire, inoltre mi ricordo che Lui è ammalato e aveva pure il mal di testa prima di andare a letto, così lascio perdere.

Cerco di riappisolarmi quando un “Ahh!” riecheggia nel buio silenzioso della camera da letto. “ahh! ahhh!”. Ok forse sono i vicini che si divertono.. (quali poi non so, il nostro palazzo è abitato da loschi figuri).

“Ahhh! ahhh! ahhhhh!” uhm, mo come faccio a dormire? E’ peggio della goccia di paperino, uno poi si fissa ad ascoltare quel rumore, in più qui c’è anche la curiosità sul finale.

Dopo un’altro po’ di ahhh, si inizia a sentire una nuova combinazione di esclamazione e letto che sbatte sul muro: “ahh ahh sì sì”. Ok addio sonno, sono quasi tentata di svegliare Lui giusto per farci quattro risate (nascondendo un po’ di invidia). Passa circa mezz’ora e l’invidia inizia dissolversi per far posto allo scetticismo: ma come cavolo fa? Cioè dopo un po’ si perde sensibilità..(considerando che avranno iniziato ben prima che io mi svegliassi).

Lui si sveglia, mentre si rigira, colgo l’occasione per fargli notare i rumori del vicinato.
Subito ridacchia e sembra tornare a dormire, poi invece noto che è sveglio, anche lui come me, immobile con gli occhi sgranati. Nel frattempo è passata un’altra mezz’ora circa e questi non accennano a smettere. Finalmente una pausa, ma è  un falso allarme.
Lui chiede come sia possibile andare avanti così tanto tempo, non tanto a far sesso, quanto a provare così tanto piacere da dover esternare la cosa al mondo.
Orgasmo all’unisono in cui si sente anche una voce maschile.

Finalmente sarà finita no?

No.

Dopo poco ricominciano.

Poi penso di essermi addormentata per disperazione. E sta mattina quando ci abbiamo ripensato Lui mi fa:
“Certo che te e io a confronto, ora come ora, siamo due mezze seghe..”
“In effetti, io incinta e tu malato, se avessimo provato a competere al massimo saremmo finiti a dire: ‘No! No” e tu di tutta risposta ‘Eh? Ehhh?’.”.

Sob.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...