Ho sentito cose…

Qualche giorno fa, per consolarmi del mio scarso senso materno, ho cercato su google frasi tipo “non mi sento incita” e cose simili. E’ uscito fuori il blog macheddavero, ho risalito la lunga lista dei post fino ad arrivare ai primissimi, in cui Wonderland era ancora di 4 mesi.

Leggendo Grazie amici mi son tornate alla mente le facce dei nostri di “amici”…

Premettendo che:

  •  io e Lui abbiamo 11 anni di differenza, che io ho sempre avuto amici più grandi, e lui più piccoli, possiamo affermare che l’età dei nostri amici va’ da 24 anni fino a circa 43 anni. Molto ampia quindi.
  • dei nostri amici solo due coppie hanno un figlio.
  • dei nostri amici circa 5 persone sono ancora single.
  • dei miei amici molti ancora vivono in casa dei genitori e sperano di avere una carriera prima o poi.
  • dei suoi amici molti convivono da poco e pensano di avere ancora 20 anni.
  • Ci siamo sorbiti nelle ultime uscite insieme discorsi Anti-bambino dove erano tutti convinti che non fosse una buona idea, che ti rovinavano la vita, che la gente è pazza a farli. Lasciandoci nell’imbarazzo perchè noi eravamo già alla ricerca dell’erede e provavamo a non schierarci in questa guerra contro la procreazione.

Ai suoi amici abbiamo deciso di dirlo una sera a cena in cui caso strano c’eravamo quasi tutti:

–  le coppie sono schizzate di gioia, forse nella speranza di uscire dal tunnel di solitudine dovuto alla maggioranza di amici non figliati, che tendevano a non frequentarli.

– una delle più grandi continuava a non capire o a “far finta di”  gridando COSAA???COSAAA?? mentre Lui ormai era in preda al panico dopo la terza volta che cercava di dire “diventeremo genitori” o qualcosa di simile ma più biascicato. Successivamente è venuta a chiedermi, più o meno ironicamente, se avevo avvisato i gatti che non li avrei più considerati. Ho risposto che si, erano al corrente e veniva loro sovente ricordato in maniera canzonatoria!

– una ha tirato fuori un falso Congratulazioni mentre il suo compagno chiedeva di soppiatto al mio “Ma l’avete cercato, o è capitato?”, domanda molto elegante per altro. Alla fine di tutto nei saluti finali ho avuto di nuovo le felicitazioni dal compagno, ma della donna che si congratulava con tanta enfasi neanche l’ombra. [A Capodanno la donna mi ricorda che al prossimo cenone io starò allattando, e che trovava la cosa assai disdicevole. Grazie per l’informazione.]

– uno, single, che ha sempre emanato vibrazioni poco virili, è esultato quasi commuovendosi. [Sempre a Capodanno essendosi fatto nel frattempo due conti chiederà: “Ma poi non uscirete più per gli apericena, o per le serate!” ho ricordato lui che di norma, come gruppo, ne facciamo una all’anno di questo genere di uscite, riusciremo ad organizzarci in qualche modo per quell’eventualità.]

Le annunciazioni ai miei amici sono state o sorprendenti o tragicomiche, talvolta assenti:

– ho telefonato alla prima amica esordendo con: ” Hai impegni per il 7 luglio?” lei si è messa a ridere dicendo che ero pazza, che lei non aveva idea neanche di quello che avrebbe fatto domani ecc. poi si è calmata e mi ha chiesto perchè questa assurda domanda: “perchè diventerai zia, e vorrei che ci fossi quel giorno.”. Al che mi è sembrata molto più contenta di quanto mi aspettassi, è partita dicendo che avrebbe dipinto una copertina per il nascituro.

– ad un paio di amici volevo dirlo in privato, ma mannaggia a me sono arrivata tardi all’appuntamento che avevamo ed erano già arrivati tutti gli altri. Allora ho pensato che glielo avrei detto dopo, alla fine. Ma la mia amica, molto attenta ai particolari strilla (davanti ad altri due ragazzi che avevo conosciuto 5 minuti prima) “MA HAI DELLE TETTE ENORMI!!”,  non che la gente mi conosca per le mie misure minute, ma ammetto che la prima cosa che è esplosa con la gravidanza è proprio il seno. Però cosa dovevo rispondere a un’affermazione del genere? “Le ho rifatte?” “Guardati i tuoi bottoncini?” “Stupido è chi lo stupido lo fa?” …ho finito per rispondere in tono imbarazzato che avrei voluto dirglielo in un’altro modo, ma che il motivo era che aspettavo un bambino. Lasciando tutti di sasso nel semi salotto di una casa condivisa da circa 12 ragazzi di età media 25 anni, per lo più universitari. Più o meno come se un uomo andasse in chiesa nudo e gridasse: “Sono gay!!”.

– Ad una non ho ancora avuto il coraggio di dirlo, ci sentiamo pochissimo, l’ultima volta è stato per il suo compleanno dove io avevo ironizzato: ah stai invecchiando anche tu eh? adesso hai trovato lavoro e tra un po’ casetta, cane e bambini. Lei quasi inorridita mi dice ok per la casa ma per il resto non ci voglio proprio pensare!!!

– Al ritiro dell’ultimo stipendio mi sono tolta lo sfizio di dirlo ad una collega* che si è tutta agitata alla notizia, allora gli altri vicino hanno chiesto informazioni e così si è sparsa la voce in un secondo. Non potete immaginare quanto calore e affetto ho ricevuto in quei brevi minuti. Erano tutti saltellanti ed emozionati alla notizia e la maggioranza era anche giovane, per cui non è sempre una questione d’età.

Non posso però biasimare i nostri amici (almeno non tutti ecco), perchè capisco che gioire delle notizie altrui è comunque una cosa difficile. Io non ricordo che faccia ho fatto quando le due coppie, ora con bambini, ci avevano detto che aspettavano. Certo non sono mai stata anti-bambini, quindi la prima cosa che ho pensato di sicuro non è stata “Pazzi!”, come invece sembravano pensare alcuni al nostro annuncio.

 

* A questa collega, di circa 40 anni, avevo confidato che stavamo cercando lei tutta contenta aveva detto che era bello sopratutto perchè eravamo molto giovani. Poi mi chiede: “Ma da quanto cercate?” ,”Questo è il terzo mese..” lei fa quasi una smorfia, come fossi spacciata, allora chiedo “Voi quanto ci avete messo?”, “E’ arrivato subito, il primo mese”. Per questo volevo togliermi lo sfizio!

 

ps: se ma vi venisse in mente di cercare “man naked church” per una foto del vostro blog, non fatelo. Esce fuori di tutto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...